Combattere la cistite senza l’uso di medicinali dannosi alla flora batterica si può, con una corretta alimentazione e uno stile di vita più dinamico

images (1)Parliamo di cistite. Questa infezione è molto diffusa nel mondo femminile, e si presenta con dei sintomi alquanto forti come dolori e bruciori molto intensi, costringendo molte donne a stare a sdraiate e non compiere più le normali attività che dovrebbero fare.

Essendo una condizione causata da batteri che si depositano nella flora batterica, l’uso di farmaci per attenuare il dolore o per farlo passare del tutto non è la miglior soluzione a cui si deve mirare, infatti spesso antibiotici ed antinfiammatori indeboliscono loro stessi la flora batterica. Per questo è importante conoscere dei rimedi totalmente naturali che possono dare sollievo, e sapere quale sia il giusto stile di vita per evitare situazioni simili.

La salute parte innanzitutto dalla nostra alimentazione, che deve essere equilibrata, stando attenti ad evitare cibi disfunzionali all’intestino, come quelli fritti, i dolci, quelli piccanti, il caffè. Da aumentarne il consumo invece sono consigliati alimenti come frutta e verdura, che stimolano la diuresi, ma anche molti legumi, come i ceci, particolarmente ricchi di fibre. Perciò via di asparagi, carote, prezzemolo, prugne, finocchio e cipolle, questi ultimi due importanti per le proprietà antinfiammatorie e disintossicanti.

La salute della flora batterica dipende molto dal consumo di yogurt, questo alimento è ricco di fermenti lattici, che sono antitossici e quindi funzionali all’eliminazione dei batteri.

Questa dieta, naturalmente, va accompagnata da costante idratazione: almeno due litri d’acqua al giorno, questi infatti puliscono la vescica eliminando diversi batteri. L’infezione può essere annientata anche da altri liquidi funzionali, come il succo di mirtillo o quello di uva ursina, entrambi rendono l’urina più acida e per questo ottima per combattere i batteri e per non farli attaccare alle pareti della vescica. Buoni anche i decotti di alcune erbe come malva e salvia, purificanti ed antimicotiche, assieme all’equiseto, ricco di sali minerali.

A tutto ciò occorre aggiungere, come spesso succede, un’attività fisica regolare, cosa che rafforza le nostre difese immunitarie e libera dai batteri l’intestino.