Forti dolori durante il ciclo mestruale? Una dieta ti può aiutare a...

Forti dolori durante il ciclo mestruale? Una dieta ti può aiutare a calmare l’infiammazione

0 626

imagesSembra che sia un 50% la percentuale che segna il numero di donne affette da dismenorrea, ovvero un forte dolore durante i giorni del ciclo mestruale. A volte capita anche che siano così forti da non riuscire a vivere la propria quotidianità.

Certamente esistono alcuni medicinali in grado di alleviare questo patimento, ma la natura ci può dare i giusti alimenti che ci aiutano ad attraversare il periodo con più serenità fisica, vediamo quali sono.

Innanzitutto una dieta orientata alla diminuzione del dolore mestruale deve essere ricca di Vitamina C e Omega 3.

Nel primo caso dunque, gli alimenti consigliati sono agrumi, ananas, kiwi, fragole, insomma un po’ di frutta fresca, e poi verdure e ortaggi come lattuga, peperoni, spinaci, radicchio, broccoli, cavolfiori, pomodori ed infine tuberi. Nel secondo caso invece si andrà a cercare alimenti di origine marina quali alici, merluzzo, tonno, salmone e frutta secca come mandorle, pistacchi, noci.

In generale si dovrebbe cercare di mangiare alimenti che contengano proteine nobili, come carni magre, pesce e uova, mentre da evitare assolutamente sono le carni grasse, i salumi, e i cibi fritti.

Un secondo aiuto può esserci dato dal succo di Goji, estratto dalle bacche di Goji, ricche di nutrienti. Questo succo contiene tantissimi amminoacidi, minerali, vitamine B1, B2 e B6, C ed E e molto altro ancora.

Dei consigli generali possono essere quelli di mantenere una giusta e costante idratazione, che ci verrà data dai liquidi come acqua o succo della frutta, ma anche i thè e le tisane; evitare l’uso di zucchero bianco e sostituirlo con il fruttosio, stessa cosa per il sale, sostituito magari da forti spezie; ricordarsi di mangiare sempre frutta fresca e anche secca; occorre tenere i livelli di insulina equilibrati e questo si può fare mangiando spesso durante l’arco della giornata senza far passare più di tre ore tra un pasto e l’altro.