Pancia gonfia dopo i pasti? Impara ad ascoltare il tuo corpo e...

Pancia gonfia dopo i pasti? Impara ad ascoltare il tuo corpo e evita alcuni tipi di alimenti

0 722

downloadNessuno ama la pancia gonfia dopo aver mangiato! E pochi sanno davvero cosa è stato a scatenare questa reazione, la maggior parte aspetta che passi, senza pensare di capire a quali alimenti bisogna far attenzione. Ma d’altronde anche stando attenti è molto difficile capire cosa ci fa male, soprattutto perchè potremmo avere qualche intolleranza di cui non sappiamo ancora niente. Sicuramente in primis c’è da sistemare un’alimentazione scorretta, tanto per cominciare, e provare ad essere meno esposti allo stress.

Proviamo a vedere qualche consiglio e quali alimenti evitare per avere la pancia gonfia.

Idratarsi: mai dimenticare di bere! Soprattutto dopo il pasto, non solo acqua ma anche delle tisane che possono avere azione depurativa, come quella al cumino, al finocchio, all’anice, e così via.

Carbone vegetale: questo elemento si ottiene bruciando il legno di tiglio e quello di pioppo, ed è estremamente funzionale per lo scopo perchè ha una grandissima capacità di assorbimento dei gas.

Assumere fibre: quasi non c’è neanche il bisogno di ricordarvi che assumere alimenti ricchi di fibre è fondamentale perchè regolano l’attività intestinale. Verdura a tutto spiano, quindi, specialmente carciofi, asparagi, finocchio, ma anche cereali integrali, e la fantastica aloe, pianta che equilibra lo stato intestinale ed è antinfiammatoria.

Alimenti no: ecco una piccola lista di ciò che dovremmo eliminare dalla nostra dieta, o perlomeno limitarne il consumo: pasta, pizza, pane, insomma, i lievitati; no anche ai legumi, agli insaccati, alle patate, alle verdure cotte, ai formaggi stagionati, ai fritti e gli alimenti ricchi di zuccheri.

Attività fisica: come in tutte le diete lo sport c’è, gli esercizi sono importanti, anche i più semplici, anche solo una passeggiata, l’importante è che l’attività sia regolare e poi con il tempo sempre più intensa, se lo vorrete.

Se il problema persiste, naturalmente, parlate con un medico. La natura aiuta ma non fa miracoli.