Problemi di catarro? Ecco come eliminarlo in maniera naturale senza l’ausilio di...

Problemi di catarro? Ecco come eliminarlo in maniera naturale senza l’ausilio di medicinali!

0 718

imagesI problemi respiratori e le bronchiti trovano spazio in qualsiasi stagione, infatti non sono legati all’inverno e al tipico raffreddore che ne deriva, bensì la produzione di muco si presenta sempre e in ogni età, ed è importante conoscere come combattere questi stati senza dover usare medicinali.

Solitamente i primi segnali di un’infezione respiratoria sono tosse grassa e produzione di muco, quest’ultimo viene chiamato catarro quando è infetto, è fastidioso e spesso blocca anche le nostre attività quotidiane, e per guarire bisogna eliminarlo. Per fare ciò bisogna renderlo più fluido, ma come farlo in maniera del tutto naturale senza l’ausilio di farmaci? Vediamolo.

  • Vapore caldo: sono i famosi suffumigi, ovvero la respirazione del vapore prodotto da un liquido bollente, meglio ancora da un infuso di erbe medicinali.
  • Timo: pianta dalle proprietà antinfiammatorie e antibatteriche il timo è ottimo per preparare una tisana con le sue foglie secche, da bere quasi bollente due volte al giorno, questo aiuterà a fluidificare il catarro e anche a combattere le infiammazioni coinvolte.
  • Aceto di mele e succo di limone: il primo si può aggiungere ai suffumigi, il secondo, aggiunto ad una bevanda calda con il miele ha un effetto antinfiammatorio e lenitivo.
  • Cibo piccante: mangiare alimenti piccanti aiuta a disperdere il catarro nocivo perché sono dei decongestionanti naturali. Prova il peperoncino o il rafano.
  • Gargarismi: l’acqua salata per fare dei gargarismi è un altro ottimo modo per liberarsi del catarro.
  • Pane tostato: mangiarne un po’ aiuterà a de fluidificare il muco e rimuoverlo con calma.

Alcuni consigli generali, se siete soggetti a questo tipo di infezioni, sono: non fumare (questo vizio secca la gola che, per reidratarsi produce muco), non mangiare latticini (i grassi contenuti in questi alimenti rendono il catarro più spesso) e non ingoiare il catarro!